DARIO SENES - Musicista

DARIO SENES - Musicista

Cantante .chitarrista poliedrico  e songwriter del suo progetto e gruppo  rockabilly punk rock ANTABUSERS milita sonicamente dando il suo grande contributo  in altri gruppi e progetti quali  THE STRANGERS , DEVYA , SEPOLCRAL  e molti altri.

ANTABUSERS Facebook : https://www.facebook.com/antabusers?fref=ts

 

THE STRANGERS

THE STRANGERS: DISABILITÀ E GRANDE MUSICA SALGONO SUL PALCO

By admin in Cooperativa on aprile 3, 2015

Hanno debuttato al Cooperoock 2014 e si stanno preparando a nuovi appuntamenti. Sono due i motivi per cui salire sul palcoscenico: portare alla gente della grande musica ed raccontare la bellezza della diversità.

 

Il nome del loro gruppo musicale è indicativo: The Strangers, gli stranieri. Una band anomala soprattutto per il fatto che molti di loro hanno incontrato, chi direttamente chi perchè ci lavora, la la disabilità, una realtà che richiede spesso una forza interiore non da poco per poterci “convivere”. Eppure tutti nella musica possono trovare non solo una valvola di sfogo, ma anche qualcosa di magico e irripetibile per vivere la vita intensamente e per far emozionare le persone.

Per saperne di più, ho scambiato due chiacchiere con Tommas Celant, cantante, in sedia a rotelle in seguito a un incidente stradale, e Dario Senes, seconda voce e bassista, nonché operatore della cooperativa sociale Futura e amico del gruppo.

Come si chiama il gruppo musicale?

TOMMY: The strangers, nome ispirato ai una canzone dei Doors.

Da chi è composto?

TOMMY: È composto da me, alla voce, Dario Senes come seconda voce e basso, Loris Danelon alla chitarra solista, Lorenzo Sabot, chitarrista ritmico di 11 anni, Jimmy Lena e Roberto Censoni che si turnano alla batteria.

Quando e come è nato?

TOMMY: Il gruppo è nato un po’ per gioco! A me è sempre piaciuto cantare: perché allora non provare a fare qualche canzone? Così con i membri dell’altro gruppo di Dario, cioè Roberto Censoni e Francesco Pellegrino, ci siamo presentati al festival di Futura dell’anno scorso, il Cooperock. Poi, con il ritorno di Loris, abbiamo capito che c’era il materiale umano per fare sul serio.

Che genere di musica proponete?

TOMMY: Rock, chiaro è un genere che permette di comunicare facilmente e incanalare emozioni forti, in particolare per ora suoniamo soprattutto cover di Doors e Litfiba.

Perché è nata quest’idea? Tra l’altro, mi pare si tratti di un progetto già visto, penso al gruppo “Ladri di Biciclette”?

TOMMY: In realtà abbiamo colto lo spunto da gruppi della zona di Pordenone; in particolare uno formato da ragazzi autistici che si sono esibiti al Bar-Ristorante “Al Posta” a Casarsa e ai “Capitano tutte a noi” che hanno suonato, anche loro, al Cooperock lo scorso giugno.

Mi pare di capire che sia possibile fare e proporre della musica, anche vivendo con delle disabilità, sbaglio? Se è vero, come è possibile?

TOMMY: Forza di volontà, voglia di emergere, voglia di farsi sentire. In particolare una persona come me, con delle difficoltà, con la musica riesce ad esprimersi, ad avere una visuale diversa.
DARIO: Nella musica bisogna essere in grado di riconoscere i propri limiti, ma da lì in poi tutto è possibile. Noi non puntiamo a uno spettacolo di persone con disabilità, ma a portare alla gente della grande musica.

Ogni quanto tempo fate prove?

TOMMY: Una volta alla settimana, e poi mangiamo insieme.

La musica può essere considerata uno strumento terapeutico efficace?

TOMMY: Si, sicuramente, perché se ci esprimiamo con la musica, riusciamo sfogare un po’ di rabbia. Io riesco a combattere meglio i miei problemi. Quando canto, sia da solo che in compagnia, mi sento più libero.
DARIO: È per chiunque, la musica ti obbliga a uscire dalla depressione.

Il gruppo si è già esibito in pubblico? I prossimi appuntamenti…

TOMMY: come dicevamo, finora solo al Cooperoock. A giugno dovremmo avere 2 o 3 date. Il 6 pomeriggio saremo a Codroipo, in occasione della manifestazione “Special Talents” organizzata dalla cooperativa sociale “Il Mosaico”, mentre la stessa sera suoneremo al parco Falcon Vial a San Vito al Tagliamento.

Paolo Belluzzo
paolobelluzzo@futuracoopsociale.it